Parodontite cronica: sintomi e cura

La parodontite cronica è una delle forme di parodontite più diffusa e consiste in un’infiammazione dei tessuti parodontali: gengiva, osso alveolare, cemento radicolare e legamento parodontale.

Per questo è molto importante conoscerne i sintomi e intervenire tempestivamente prima che la situazione si aggravi.

Parodontite: la malattia silenziosa delle gengive

La parodontite, o parodontopia, è un’infiammazione che colpisce il parodonto cioè l’insieme delle strutture che compongono il dente.
La parodontite comincia sempre con una gengivite, un’infezione che colpisce la gengiva e che se non viene trattata in tempo si trasforma in una forma più grave: parodontite.

–> Scopri come curare tempestivamente la gengivite prima che si aggravi

Generalmente colpisce maggiormente gli individui in età adulta ma può colpire anche gli adolescenti.

Come facciamo a riconoscere la parodontite?
Nella fase iniziale la malattia è silente, non si riscontrano sintomi evidenti fino a che non iniziano a manifestarsi episodi di:

  • sensibilità dentale
  • infiammazione gengivale
  • problemi di alitosi
  • tasche gengivali
  • sanguinamento gengivale

Ma la causa che spinge a rivolgersi a un esperto è senza dubbio la mobilità dentale. Si tratta però del punto di non ritorno, è infatti la  fase più progredita della malattia in cui è più difficile intervenire.

Classificazione delle malattie parodontali

Dal 1999 le malattie parodontali vengono classificate secondo l’American Academy of Periodontology in:

  • Parodontite cronica
  • Parodontite aggressiva
  • Parodontite ulcero-necrotica

Parodontite cronica

La parodontite cronica è la forma più diffusa e colpisce soprattutto i giovani. Si evolve progressivamente partendo come una semplice gengivite in adolescenza, per poi progredire in età adulta.

Parodontite aggressiva

La parodontite aggressiva progredisce più rapidamente rispetto a quella cronica ed è maggiormente diffusa nella pubertà. Colpisce soprattutto i primi molari e gli incisivi ed è causata da cattiva igiene orale, predisposizione genetica e fumo.

Parodontite ulcero-necrotica

La parodontite ulcero necrotica è caratterizzata da papille e margini gengivali ulcerati e necrotici. È principalmente diffusa tra i giovani dei Paesi in via di sviluppo.

Come prevenire e curare la parodontite

La parodontite può portare anche alla perdita dei denti, per questo intervenire tempestivamente non è solo consigliabile ma è assolutamente necessario.

A seconda dei casi si procederà con:

  • una o più sedute di igiene orale professionale
  • curettage gengivale
  • interventi di rigenerazione ossea
  • terapia canalare

Per prevenire l’insorgere di una parodontite si consiglia di tenere una corretta igiene orale: lavare i denti almeno tre volte al giorno dopo i pasti, utilizzare il filo interdentale per eliminare i residui di cibo che rimangono incastrati tra i denti ed effettuare una pulizia professionale dal dentista almeno ogni sei mesi.
Consigliamo inoltre di evitare cibi e bevande zuccherate e preferire l’assunzione di frutta e verdura. Inoltre è assolutamente sconsigliato il fumo, soprattutto se si soffre già di parodontite.

Sei affetto anche tu da parodontite? Prenota una visita dentistica senza impegno presso il nostro studio.

[dt_sc_button link=”https://www.identistidifamiglia.it/contatti/” size=”medium” bgcolor=”#3d93cf” textcolor=”#ffffff” target=”_blank”]Contattaci[/dt_sc_button]

Torna su